LEXY

Lexy, 16 anni; protagonista del libro.
Porta i capelli sciolti e cammina con la testa piegata in avanti, come a volersi nascondere dietro alle ciocche. Ha sempre le mani incrociate. Guarda raramente le persone negli occhi. Quando lo fa di solito non parla, le fissa per capire se la stanno prendendo in giro o se veramente credono sia giusto, poi li riabbassa subito e non li alza più.

Ha due amiche che sono Emma la più espansiva, impulsiva e quella dalle idee assurde, e Agnese, quella più razionale e composta, soprannominata la voce della ragione.

Lexy acconsente sempre a tutto. Quindi se lei dice che l’espressione di matematica risulta 3 ma gli altri dicono che si sbaglia e che il risultato è 4, allora lei, anche se sa che non è vero, scrive 4. Dà spesso consigli ma poi ritratta se la diretta interessata o l’amica la pensano in modo diverso. Da piccola è stata abbandonata dal padre e riversa su se stessa la colpa.

Indossa maglie larghe per nascondersi dentro, di colori chiari. Ha sempre gli stessi vestiti, o quelli prestati, o regalatele. Gli abiti nuovi in casa sono sempre della madre che si compra per sé. Troppo succinti e provocanti per Lexy.

 Lexy non invita mai le amiche a casa, non vuole parlino con la madre. Della madre non si lamenta mai; ma se lo fa, le amiche allora le danno corda, e Lexy torna subito sui suoi passi difendendola e giustificandola perché Lexy vuole bene a sua madre.